CONTATTACI

Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

Stampanti a polvere 2018-10-08T19:42:15+00:00
Loading...

Chiedi un preventivo














Ho letto e accetto l’informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

STAMPANTI A POLVERE

Una delle importanti tecnologie supportate dalle stampanti NOA3D è la stampa a polvere in cui vi è una sinterizzazione di polveri plastiche, metalliche o silicee per la prototipazione rapida dei layer disegnati.

Nel processo SLS, la tecnologia (Selective Laser Sintering) inventata da Carl Deckard alla University of Texas di Austin nel 1984, particelle microscopiche di plastica (polveri di nylon) sono esposte ad un laser di elevata potenza che le fonde insieme per formare un oggetto solido tridimensionale. La polvere viene inizialmente rilasciata su una piattaforma, per creare uno strato di circa 0,1 mm., che viene poi colpita dal laser che la fonde in uno strato compatto. Le polveri non sinterizzate sul piano costituiscono il supporto per gli strati successivi, fino alla realizzazione dell’oggetto completo.

Al termine della lavorazione l’oggetto viene rimosso e separato dalle polveri non sinterizzate, che in parte o totalmente possono essere riutilizzate.

La tecnologia SLS può essere utilizzata sia per la realizzazione di prototipi estetici, con elevati livelli di finitura, sia per produrre oggetti funzionali con tempi molto rapidi. La particolare tecnologia della sinterizzazione consente l’utilizzo di diversi materiali, solitamente miscelati al nylon, con i quali si ottengono oggetti con diverse caratteristiche di robustezza, elasticità, resistenza alle temperature (PA12, Nylon caricato fibra vetro o alluminio, Polistirene fondibile).

I vantaggi della nostra gamma di stampanti

Il vantaggio principale che la tecnologia SLS di NOA3D offre rispetto alle tradizionali FDM o SLA è la possibilità di stampare 3D senza la necessità di creare i supporti. La polvere non sinterizzata all’interno della camera di stampa infatti, funge da supporto per la parte sinterizzata. In questo modo è possibile creare parti dalle geometrie estremamente complesse e in movimento reciproco tra loro, in un unico processo di stampa.