CONTATTACI

    Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

    Stampanti a filamento 2020-12-01T11:33:18+01:00
    Loading...

    Chiedi un preventivo






      Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

      STAMPANTI A FILAMENTO

      Tra le varie tecnologie additive legate al mondo delle Stampanti 3D, quella ad estrusione di filamenti è sicuramente la più nota tra quelle disponibili oggi sul mercato mondiale.
      NOA propone, tramite Noleggio Operativo o Vendita, Stampanti 3D con caratteristiche tecniche evolute e perfettamente adatte alle esigenze delle PMI ma anche di realtà industriali che operano nel settore Automotive, Robotica, Meccatronica e Medicale.

      Come funziona la tecnologia FFF?

      Le stampanti a estrusione di filamenti termoplastici nacquero nel 1988 ad opera di Scott Crump il quale stava cercando un modo di automatizzare il più possibile la produzione di giocattoli nel suo garage. Fondò poi Stratasys e questa tecnologia prese il nome brevettato di FDM (Fused Deposition Modelling), cioè modellazione a deposizione fusa. Per spiegarla basta pensare a una sorta di pistola per la colla a caldo che si sposta sui tre assi cartesiani depositando, strato dopo strato, del materiale plastico fuso, il tutto partendo da un file 3D progettato con appositi software di modellazione o acquisiti tramite scanner 3D.

      Negli anni più recenti, grazie alla scadenza di alcuni brevetti e all’adozione della filosofia Open Source, questa tecnologia di stampa 3D è diventata sempre più comune ed evoluta. Infatti, grazie al progetto RepRap (Replicating Rapid Prototyper), ricercatori e scienziati come Adrian Bowyer diedero vita ai primi progetti legati a macchinari a basso costo in grado di produrre tutte le parti in plastica al fine di poter costruire altre stampanti 3D a filamento. Questo nuovo processo prese il nome di Fused Filament Fabrication (FFF) e in pochi anni ha avuto una evoluzione tecnica tale da rendere altamente professionali questi prodotti con costi sempre più bassi.

      Di seguito lo schema di funzionamento spiegato in modo semplificato:

       

      La nostra gamma di stampanti 3D

      NOA 3D propone come soluzione di stampa 3D basata sulla tecnologia a filamento l’italiana PROTYS, caratterizzata dal sistema IDEX (Indipendent Dual Extruder System) che è in grado di realizzare più parti contemporaneamente, dimezzando i tempi di costruzione, oppure di utilizzare due materiali in contemporanea.