CONTATTACI

    Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

    Arnaldo Borlini, first associate founder di NOA, spiega i cambiamenti portati dal Coronavirus nel settore office

    • video conferenza

    Arnaldo Borlini, first associate founder di NOA, spiega i cambiamenti portati dal Coronavirus nel settore office

    smartworkingGiunti ormai quasi alla fine di quest’anno, si può dire che il 2020 è stato difficile e pieno di imprevisti che hanno “costretto” lavoratori e, più in generale, l’intera società a numerosi cambiamenti nelle proprie abitudini. Nonostante sia stato, e purtroppo sembra continui a essere, un anno pieno di insidie, il primo dei “nuovi anni venti” ha portato con sé anche alcune trasformazioni in senso migliorativo, in particolar modo nel settore del lavoro e degli uffici.

    collaborationA notare più di altri la trasformazione subita dal settore office è sicuramente il Presidente Arnaldo Borlini, fondatore insieme ad altri soci e amministratore di NOA, il quale, intervistato da innovami.news, webmagazine dedicato all’innovazione, spiega: “La novità più impattante di questo 2020 è sicuramente legata al modo diverso di lavorare imposto dall’emergenza sanitaria che ci siamo trovati ad affrontare. Quindi l’abbandono degli spazi di lavoro in presenza per una modalità di lavoro agile e gestione delle proprie mansioni da remoto, principalmente a casa, lavorando per obiettivi e non più considerando solamente il tempo di presenza in ufficio”. Alcuni esempi concreti di novità sono i software che consentono di organizzare la propria to-do list giornaliera garantendo lo scambio di comunicazione ufficio-collaboratore in tempo, oppure le soluzioni per interfacciarsi in maniera smart con le principali applicazioni che si hanno in ufficio e necessarie per lo svolgimento delle attività.

    Borlini

    videoconferenzaIl Presidente Borlini ha poi aggiunto tra le novità “l’implementazione delle offerte di soluzioni per l’allestimento di videoconferenza che permettano alle persone di comunicare e condividere le informazioni sia da casa che in ufficio o la dotazione di software per la prenotazione della propria postazione di lavoro in ufficio, prenotando da casa”. Indispensabili durante la pandemia causata dal Coronavirus sono anche le offerte per garantire una ripresa in sicurezza del lavoro in presenza, quindi termoscanner per la rilevazione automatica della temperatura corporea, totem con integrati dispenser per igienizzazione mani e comunicazione aziendale per l’osservazione dei protocolli di sicurezza e infine la fornitura di pannelli divisori per garantire il distanziamento tra le postazioni in ufficio.

    Quest’anno i cambiamenti sono stati appunto inevitabili, ma è interessante domandarsi se del passato c’è qualcosa del settore office “tradizionale” che è bene tenersi stretto. “Sarebbe utile, forse, riuscire a recuperare una componente più umana e di scambio interpersonale che è venuta a mancare con l’avvento delle tecnologie moderne con cui lavoriamo quotidianamente (es. smartphone/ e-mail/whatsapp)” ha affermato Arnaldo Borlini. In ogni caso però, “dal punto di vista meramente legato al prodotto difficilmente ciò che faceva parte del nostro passato, legato all’offerta di qualcosa di fisico, potrà essere recuperato in un’era in cui tutto sta diventando digitale. Cambia proprio la logica commerciale che ci vede passare da un’offerta di prodotti fisici a un’offerta di servizi e consulenza cliente centrica” ha aggiunto.

    innovazioneCome tutti i cambiamenti, essi possono avere aspetti positivi e negativi. Così anche lo smartworking, inteso come forma più agile di lavoro, da un lato “è stato una soluzione che ci ha permesso di continuare a portare avanti il nostro lavoro in un momento storico dove la presenza è un rischio sanitario” afferma il Presidente di NOA. “D’altro canto, ritengo ci debba essere un giusto equilibrio tra la gestione del lavoro da remoto e la presenza in ufficio, anche per garantire il ciclo dell’economia del nostro paese. Per noi di New Office Automation è stata un’opportunità in risposta alle sfide che il settore della carta stampata si è trovato inevitabilmente ad affrontare. Questo ci ha portato ad avviare nuovi business e a consolidarne altri, a rafforzare l’awareness nei nostri confronti e ad allargare la percezione che i clienti hanno verso l’offerta dei prodotti e servizi NOA” ha poi concluso. Altro potenziale aspetto negativo dello smartworking è sicuramente il maggior rischio di cyber attacchi, infatti “in risposta a questa criticità NOA propone soluzioni software e hardware per la sicurezza e il backup dei dati, patrimonio delle aziende. In questo contesto abbiamo potuto far leva sulle partnership esistenti con GDATA, azienda tedesca dal 1985 uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, e la francese WOOXO, specializzata nel backup e ripristino rapido dei dati” spiega Borlini. 

    Non indifferente è anche il cambiamento “fisico” della tradizionale sala riunioni presente negli uffici: non è più una semplice stanza con un proiettore ma un luogo integrato di lavagne luminose, sistemi audio e video per conferenze in rete e molto altro. A proposito di questo, Arnaldo Borlini spiega: “due sono gli aspetti principali attraverso cui NOA risponde a questo cambiamento strategico: il primo è sicuramente legato allo studio e alla progettazione di spazi di qualsiasi portata, dalle huddle room, alle sale riunioni, alle assemblee e sale per riunioni plenarie che siano smart, funzionali e d’eccellenza tecnologica. Il secondo riguarda l’elasticità delle soluzioni commerciali di noleggio e vendita, scalabili e implementabili nel tempo con la possibilità di upgrade tecnologico dei prodotti“.

    noaPer conoscere tutte le soluzioni offerte da New Office Automation per agevolare e semplificare smart working e lavoro da remoto, visita questa pagina. Se invece sei interessato a ricevere una consulenza personalizzata per l’allestimento di uffici, sale riunioni e conference room adatti per continuare a lavorare in team anche da remoto, contatta il team di NOA al numero 02 66169331 oppure via mail all’indirizzo noa.sw.support@noa.it

      Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

      By | 2020-11-10T08:54:14+01:00 venerdì 6 Novembre 2020|News|Commenti disabilitati su Arnaldo Borlini, first associate founder di NOA, spiega i cambiamenti portati dal Coronavirus nel settore office