CONTATTACI

Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

5 buoni motivi per cambiare il monitor del tuo computer

  • cambiare il monitor

5 buoni motivi per cambiare il monitor del tuo computer

smart workingNegli ultimi mesi numerosi professionisti si sono trovati a dover convertire il proprio lavoro in digitale. Anche chi prima non utilizzava il computer per svolgere le proprie mansioni abituali, ora probabilmente si trova di fronte a un monitor per circa 8 ore al giorno. Stare seduto davanti al pc piuttosto che ad un plico di fogli, soprattutto per chi prima non era abituato, risulta essere molto pesante, ma non è tutta colpa della digitalizzazione o dello smart working, forse è solo arrivato il momento di cambiare schermo.

È un elemento a cui spesso non pensiamo: solitamente crediamo che avere un display altamente performante sia utile solo per grafici, architetti o illustratori, ma la verità è che, se lavori al computer per più di un paio d’ore, il monitor è un elemento chiave della tua postazione di lavoro. Il team tecnico di New Office Automation ci illustra 5 buoni motivi per cui è arrivato il momento di cambiare lo schermo del tuo computer.

display computer

  1. Monitor all’avanguardia che non stancano la vista

vistaIl primo motivo per comprare uno schermo nuovo è per evitare di stressare troppo gli occhi. L’abbiamo sentito detto da tutti i medici e oculisti: stare troppe ore davanti ad uno schermo luminoso non fa bene alla vista. Al giorno d’oggi però, esistono nuove tecnologie che diminuiscono la fatica dell’occhio a guardare costantemente una fonte di luce artificiale. L’ultima novità sono i monitor flicker-less, in grado di eliminare lo sfarfallio della retroilluminazione tipica dell’LCD. Un’altra tecnologia di monitor che aiuta ad alleviare lo stress della vista, è la BlueLightShield, la quale diminuisce l’emissione di luce blu, nota per causare emicrania e bruciore agli occhi.

  1. Schermo grande significa conference call immersive

Il secondo buon motivo per cambiare il monitor è perché più grande è il monitor, meglio lavori. Non a caso, chi è abituato a lavorare in digitale, anche se utilizza un laptop, spesso ha un secondo schermo collegato da almeno 21 pollici, come per esempio il Philips 220v8 disponibile nel catalogo prodotti di New Office Automation. Un display più grande spesso significa più pixel e maggiore densità: questo consente di visualizzare più elementi sullo schermo, guardare immagini a risoluzione più elevata e vedere documenti nella loro interezza. Non da meno, soprattutto quando si lavora in smart working, è la possibilità di vivere video chiamate e conference call più immersive.

  1. Un monitor veloce per un lavoratore efficiente

monitorIl terzo motivo per investire in un nuovo schermo è la velocità. Quante volte capita di rimanere fissi a guardare lo schermo che carica una pagina nuova, e non per problemi di ram, rete o di Wi-Fi? Se la risposta è “tante”, è decisamente ora di cambiare schermo e dire addio al lag e al blurring. Con i nuovi display da 144 Hz, il refresh rate è molto elevato e noterete una sostanziale differenza nella fluidità delle immagini, aumentando la velocità e di conseguenza la vostra efficienza sul lavoro.

  1. Per un ottimo computer, serve anche un ottimo schermo

A proposito di fluidità delle immagini e velocità di risposta, incide molto la “compatibilità” tra il computer e il monitor. Si può anche avere un computer nuovissimo con una scheda grafica eccellente, ma se lo schermo abbinato al software non è dei migliori, la tua efficienza sarà decisamente minore. La sincronizzazione tra monitor e computer è fondamentale perché aiuta a ridurre il tearing, a minimizzare il lag e migliorare la dinamicità dei colori: aspetti da non sottovalutare soprattutto durante videoconferenze e call.

lavoro da remoto

  1. Comodità è la parola d’ordine: schermo regolabile con bordi sottili

monitorUltimo, ma non per importanza, è il design del monitor stesso. Potrebbe sembrare un aspetto superficiale, ma lavorare da uno schermo ergonomico è fondamentale per chi deve farlo per ore e ore durante la giornata. È consigliato prediligere monitor regolabili, che possono essere alzati o abbassati, inclinati in orizzontale e verticale e ruotati, in questo modo il lavoratore riuscirà sempre a trovare la posizione più comoda per guardare lo schermo e muoversi nel caso in cui ne sentisse il bisogno. Altro dettaglio da non sottovalutare è lo spessore dei bordi: è decisamente meglio che essi siano sottili, così da avere una visuale più ampia e chiara delle pagine. Da prendere in considerazione per navigare in completo comfort sono anche gli schermi curvi e gli smart monitor con funzione multi touch-screen per interagire e controllare ogni pagina anche con le dita.

new office automationSe anche tu vuoi migliorare le postazioni di lavoro nel tuo ufficio o dei tuoi dipendenti che lavorano da remoto, il team tecnico di NOA è disponibile per consulenze personalizzate. New Office Automation, presente nel settore office da quasi 40 anni, offre allestimenti e progetti su misura per uffici, piccole e medie imprese e studi di professionisti. Per ricevere una consulenza o un preventivo per l’allestimento della postazione di lavoro, contattaci chiamando il numero 02 66169331 oppure inviando una mail a info@noa.it.

Ho letto e accetto l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003

By | 2020-10-23T16:50:36+02:00 giovedì 8 Ottobre 2020|News|Commenti disabilitati su 5 buoni motivi per cambiare il monitor del tuo computer